CIRC. 12 OTTOBRE 2016 N. 42/E – REGOLARIZZAZIONE DELLE DICHIARAZIONI ERRATE O TARDIVE

news-image
DECRETO DIRETTORIALE 11 OTTOBRE 2016 N. 000572 – PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER PROGETTI R&S
10 novembre 2016
news-image
Ris. 17 ottobre 2016 n. 93/E – Assegnazione dei beni ai soci e abuso del diritto
10 novembre 2016

CIRC. 12 OTTOBRE 2016 N. 42/E – REGOLARIZZAZIONE DELLE DICHIARAZIONI ERRATE O TARDIVE

news-image

Con questa circolare l’Agenzia delle Entrate interviene sul tema della regolarizzazione delle dichiarazioni che contengono errori ovvero che vengono presentate tardivamente rispetto al termine normativo, e del rapporto di queste fattispecie con l’istituto del ravvedimento operoso disciplinato dall’art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997.

Viene dapprima ricordata la differenza tra la dichiarazione tardiva, ovvero quella presentata entro 90 giorni dal termine fissato per l’invio delle dichiarazioni, e quella omessa, ovvero quella presentata o non presentata successivamente al predetto termine di 90 giorni.

L’Agenzia ricorda, quindi, come il ravvedimento non sia ammesso per una dichiarazione considerata omessa.

La circolare fornisce anche una tabella, che viene riportata di seguito, che sintetizza il comportamento da adottare nei casi sopra citati per regolarizzare la propria posizione:

 

TIPO DI DICHIARAZIONE ADEMPIMENTI
TARDIVA § Presentazione della dichiarazione entro 90 giorni dal termine della dichiarazione annuale;

§ Versamento di imposte, se dovute, e interessi calcolati a partire dalla scadenza originaria;

§ Versamento delle sanzioni:

–   Fissa: € 250 ridotta ad 1/10 (€ 25);

–   In base ai versamenti omessi, se dovuti, ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997.

INTEGRATIVA § Presentazione della dichiarazione corretta entro 90 giorni dal termine della dichiarazione annuale;

§ Versamento della maggiore imposta, se dovuta, e interessi calcolati a partire dalla scadenza originaria;

§ Versamento delle sanzioni:

–   Errori non rilevabili mediante controlli automatizzati: € 250 ridotta a 1/9 (€ 27,78) oltre a sanzioni per omessi versamenti, se dovuti, ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997;

–   Errori rilevabili mediante controlli automatizzati: sanzioni per omessi versamenti, se dovuti, ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997.

INTEGRATIVA § Presentazione della dichiarazione corretta oltre 90 giorni dal termine della dichiarazione annuale;

§ Versamento della maggiore imposta, se dovuta, e interessi calcolati a partire dalla scadenza originaria;

§ Versamento delle sanzioni:

–   Errori non rilevabili mediante controlli automatizzati: sanzione pari al 90% della maggiore imposta dovuta o della differenza del credito utilizzato, ridotta secondo le misure dettate dall’art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997; se non sono dovute imposte, la sanzione da applicare è quella prevista dall’art. 8 del D. Lgs. n. 471/1997.

§ Errori rilevabili mediante controlli automatizzati: sanzioni per omessi versamenti, se dovuti, ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997 a seconda di quando interviene il ravvedimento.