Ris. 17 ottobre 2016 n. 93/E – Assegnazione dei beni ai soci e abuso del diritto

news-image
CIRC. 12 OTTOBRE 2016 N. 42/E – REGOLARIZZAZIONE DELLE DICHIARAZIONI ERRATE O TARDIVE
10 novembre 2016
news-image
CIRC. ISPETTORATO DEL LAVORO 17 OTTOBRE 2016 N. 1 – VIOLAZIONI DEGLI OBBLIGHI SUL LAVORO ACCESSORIO
10 novembre 2016

Ris. 17 ottobre 2016 n. 93/E – Assegnazione dei beni ai soci e abuso del diritto

news-image

Con questa risoluzione l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non è elusiva l’operazione di assegnazione di beni immobili ai soci e la loro successiva ed immediata rivendita. Ciò in quanto, perché una condotta si configuri quale abuso del diritto, ai sensi dell’art. 10-bis legge n. 212/200, devono essere presenti tre presupposti:

  1. realizzazione di un vantaggio fiscale indebito: beneficio ottenuto in contrasto con la ratio della norma fiscale;
  2. assenza di sostanza economica dell’operazione: atti o fatti non idonei a creare alcun effetto diverso dal vantaggio fiscale;
  3. essenzialità del conseguimento del vantaggio fiscale.

La cessione degli immobili successiva all’operazione di assegnazione, ancorché già pianificata, non inficia l’operazione, considerando che non sussiste alcuna preclusione in tal senso nella norma agevolativa. Il risparmio d’imposta ottenibile è, quindi, del tutto legittimo ed insindacabile.